Home E-Books Effetti speciali e sviluppo giochi in Java Come compilare

Effetti speciali e sviluppo giochi in Java(TM) -Come compilare ed eseguire la vostra applet 

di Anibal Wainstein (traduzione di Hanami Solutions)

2.0.3 Come compilare ed eseguire la vostra applet 

Salvate il codice sorgente di esempio fornito nella sezione precedente come normale file di testo (deve essere in ASCII e non in Word o formati simili). Tutte le applets richiedono di essere incorporate in una pagina HTML per funzionare. Scrivete la seguente parte di codice HTML in un file a parte:

<HTML>  
<HEAD><TITLE>La mia prima applet</TITLE></HEAD>                       
<BODY>  
<APPLET CODE="myapplet.class" WIDTH=100 HEIGHT=100>                       
</APPLET>  
</BODY>  
</HTML>  

Qui specifichiamo che la applet debba usare il file myapplet.class come base e che l'ampiezza e altezza siano di 100 pixels ognuno. Suppongo capiate già come funziona l'HTML quindi non mi dilungherò a spiegare cosa significhi il resto del testo.
Salvate il file chiamandolo "myapplet.html" nella stessa directory del file Java.

A seconda che abbiate il sistema di sviluppo Java di Sun o di Microsoft, aprite una finestra DOS di Windows e scrivete quanto segue nella directory dove si trovano i vostri files Java e HTML:  

\pathtojavac\javac myapplet.java     (JDK di SUN) 
\pathtojvc\jvc myapplet.java   (SDK di Microsoft) 

Il compilatore esaminerà il file e vi notificherà gli errori trovati e dove siano. Un errore comune in cui chiunque si può imbattere è dimenticare il punto e virgola dopo una dichiarazione Java.

Ora potete aprire il file HTML "myapplet.html" col vostro browser preferito. Se usate Netscape, potete aprire la console Java dal menu del programma (guardate in "tools" in Netscape 4.X). La stessa cosa vale per Internet Explorer 4.01 o 4.02. Comunque nella versione 4.0 di Internet Explorer dovete assicurarvi che l'opzione Java logging sia attiva prima di guardare la applet (la trovate nelle impostazioni avanzate di IE). Il log Java è scritto come file di testo nella directory c:\windows\Java\. Se volete risparmiarvi questa seccatura aggiornatevi alle versioni 4.01 o 4.02.

Potete anche clickare qua per vedere la applet.

2.0.4 Modi veloci per mostrare i risultati (showStatus() e println()) 

Il metodo Java println() appartiene alla classe PrintStream, nel package java.io (IO sta per "In Out" ed è usato per annotare le comunicazioni con l'utente o l'hard disk). Non dovete darvi troppo pensiero su questo, perché quando Java Virtual Machine si avvia avete automaticamente un metodo println() pronto nella classe System class and nella sua classe di comunicazione out. La classe out punta alla console Java. Usando out potete facilmente controllare i valori delle vostre variabili.
Nella sezione 1.2.3 abbiamo esaminato gli operatori aritmetici : 

int a = 4;
int b = 2;
//Il numero 6 verrà immagazzinato in "c"
c = a + b;           //Il numero 2 verrà immagazzinato in "c"
c = a - b;         //Il numero 8 verrà immagazzinato in "c"
c = a * b;       //Il numero 2 verrà immagazzinato in "c" c = a / b;           
Sfortunatamente non possiamo verificare che il risultato sia stato corretto. Il metodo println() esiste per molti tipi di variabili. Scrivete la seguente applet: 
import java.awt.*;

public class calculationapplet extends Applet {

public void init()
{
    int a = 4;
    int b = 2;
    c = a + b;              
    System.out.println(c);
} }
Dopo averla scritta e compilata potrete vedere il numero 6 nella console Java . Ora potete chiedervi come sia possibile che lo stesso println() possa scrivere un numero, quando le stesso metodo nell'ultimo esempio ha scritto una stringa. Questo viene chiamato function overloading(Sovraccarico di funzione). NON sono gli stessi metodi anche se portano lo stesso nome. Se due metodi hanno lo stesso nome ma hanno argomenti differenti, Java li vedrà come due metodi unici. Ad ogni modo non potete avere due funzioni con lo stesso nome e che richiedano identici argomenti. I seguenti metodi println() sono tra i più usati: 
println(boolean)  
println(String)  
println(int)  
println(float)  
println(double

Quando eseguite una applet in un browser avete accesso alla finestra di status di norma collocata in fondo allo schermo. C'è un metodo nella classe Applet class chiamato showStatus(). Con questo potete mostrare delle stringhe. Prendiamo l'esempio "Ciao Italia!" nella sezione 2.0.2 e riscriviamolo: 

import java.awt.*;  
import java.applet.*; 
public class myapplet extends Applet { public void init() { showStatus("Ciao Italia!"); }

Compilatelo, eseguite questa applet nel vostro browser e osservate la finestra di status. Vi prego di notare che a seconda del browser che avete, questa applet potrebbe fallire perché altri messaggi di sistema potrebbero sovrascrivere la barra dei messaggi di status. Pertanto showStatus() potrebbe non funzionare sempre se non aggiornate il vostro messaggio continuamente. Vedremo in seguito come possiate divertirvici comunque.

 


Pagina seguente >>